GIANA Erminio-Alessandria 0-2

La quarta giornata di campionato – la terza giocata per la Giana Erminio, che deve ancora recuperare la gara con l’Arezzo – coincide con la prima sconfitta per i biancazzurri, nonostante una gran mole di gioco macinata per gran parte dei 90′ e il costante incitamento dei tifosi, grandi e piccoli, che non hanno mai smesso di incoraggiare i ragazzi di Albè.

All’8′ è il gol dell’Alessandria a gelare la squadra di Albè: con un disimpegno di Obodo, che mette in mezzo, Sanchez respinge ma non trattiene e Guazzo tira sulla traversa interna e la palla rimbalza in gol. Al 10′ ancora Guazzo protagonista con un tiro al volo dai 25 metri, che esce di poco fuori sul primo palo. L’Alessandria alza il pressing, ma la Giana non demorde e cerca la profondità. Al 14′ Biraghi dai 30 m prova il tiro e manda fuori di un metro. Al 19′ gran giocata della Giana con Marotta, che in una mischia in area riesce a disimpegnarsi e a calciare, ma la palla esce di un soffio alla sinistra del portiere. La Giana si affaccia costantemente nell’area avversaria, ma l’Alessandria è attenta a chiudere tutti gli spazi. Al 38′ è Spiranelli al tiro, dopo essere sceso sulla fascia ed essere penetrato a centro area, ma la palla finisce ancora fuori di poco. La Giana sta macinando una gran mole di gioco, costringendo la squadra ospite a chiudersi nella propria area.

Nella ripresa parte ancora forte la Giana, ma al 9′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo calciato da Vitofrancesco, Guazzo aggancia una spizzata di testa di Obodo e insacca per il raddoppio. Mister Albè cerca di modificare il gioco con un doppio cambio: Sarao e Recino al posto di Crotti e Pinto. Il neoentrato Sarao al 18′ si fa subito vedere in area, agganciando un cross di Perna, ma una deviazione del difensore ospite manda fuori. Ancora Sarao al 21′ si libera per un tiro potente sul secondo palo, che il portiere riesce a sventare in tuffo. Un cartellino giallo a Biraghi al 26′, seguito subito da un rosso per proteste, costringe il capitano all’espulsione: Giana in 10 uomini che continua comunque ad attaccare. E’ ancora Sarao al 35′ ad impegnare seriamente il portiere dell’Alessandria, ma la palla sembra proprio non voler entrare. Finisce così, con l’applauso del pubblico ai giocatori, nonostante il risultato.

«Può darsi che il turno infrasettimanale abbia inciso un po’, ma l’Alessandria non ha rubato niente – commenta Cesare Albè a fine gara – Nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo abbiamo avuto la possibilità di raddrizzare la partita, ma loro sono stati bravi a difendere e ad approfittare delle due occasioni da gol. Questo è un vero assaggio di Serie C».

«La Giana è arrivata vicino al gol nel finale del primo tempo, poi siamo riusciti ad aggiustare qualcosa nella ripresa e a gestire meglio la palla – conferma il mister dell’Alessandria Luca D’Angelo – Una Giana a cui comunque vanno fatti i complimenti, perchè è organizzata e riuscità a mettere molte squadre in difficoltà».

GIANA ERMINIO-ALESSANDRIA 0-2

Marcatori: Guazzo 8′ pt e 9′ st

Recupero: 0′ pt, 4′ st

Giana Erminio (4-3-3): Sanchez, Perico, Augello, Marotta, Solerio, Montesano (Bonalumi 1’st), Spiranelli, Biraghi, Perna, Crotti (Sarao 16′ st), Pinto (Recino 16′ st). A disp. Ghislanzoni, Sosio, Bonalumi, Di Lauri, Rossini, Recino, Sarao. Allenatore: Cesare Albè

Alessandria (3-5-2): Nordi, Sosa, Nicolao, Sabato, Mezzavilla, Terigi, Spighi (Valentini 24′ st), Obodo, Marconi, Rantier (Vitofrancesco 7′ st), Guazzo (Taddei 19′ st). A disp. Poluzzi, Pappaianni, Scotto, Valentini, Taddei, Vitofrancesco, Cavalli. Allenatore: Luca D’Angelo.

Arbitro: Sig. Gianni Bichisecchi di Livorno. Assistenti: Sig.ri Nicola Fraschetti di perugia e Gian Luca Sechi di Sassari

Angoli: 4-3

Ammoniti: Nicolao 14′ st, Sarao 30′ st, Valentini 15′ st

Espulsi: Biraghi 26′ st

Attachment

Giana Erminio-Aessandria