GIANA ERMINIO-RACING ROMA 3-0

Undicesima giornata di campionato e seconda vittoria casalinga di fronte al pubblico di casa per i ragazzi di mister Albè, che con il Racing Roma vincono meritatamente con un netto 3-0.

Al 2’ pronti via e c’è il primo gol annullato alla Giana per fuorigioco: Marotta a centrocampo, servito da Greselin, trova un corridoio per un passaggio a Bruno, che fa sedere il portiere e insacca, ma l’assistente con un attimo di ritardo aveva alzato la bandierina. Al 9’ bel lancio di Pinardi su punizione a pescare Ferrari, che dalla sinistra prova il diagonale che viene deviato in corner da un difensore. All’11’ Ferrari viene però risarcito e si rende protagonista di un grandissimo gol; dopo il primo centro in Coppa Italia con la maglia biancazzurra, oggi firma la sua prima rete in campionato: su punizione dalla destra, sulla trequarti, con un tiro a giro infila la palla all’angolino più lontano dove Savelloni sfiora, ma non può in alcun modo trattenere. Al 17’ ci prova il Racing Roma con Selvaggio, che raccoglie un cross dalla destra e prova la conclusione dal limite, ma Sanchez para in due tempi. Al 19’ è il numero 19 Rocchi a sfiorare il raddoppio: dopo un’azione insistita della Giana prova a scagliare in porta al volo dal vertice basso: Savelloni respinge e ancora Rocchi prova a ribattere, ma un difensore devia in corner.  Al 21’ bel tiro cross da fuori area di Shahinas, che dalla destra con una parabola manda la palla sulla sommità della rete. Al 25’ arriva il raddoppio biancazzurro grazie a Greselin, il più giovane in campo, anche lui all’esordio in gol nella prima gara di Coppa Italia e oggi alla sua prima rete in campionato: il classe ’98 sfugge sulla trequarti alla difesa avversaria e con una conclusione dal limite dell’area piccola batte Savelloni. Al 41’ ci prova Massimo per gli ospiti, servito da De Sousa, a concludere di potenza, ma la sua palla finisce alta sopra la traversa.

Al rientro dagli spogliatoi doppio cambio tra le fila del Racing Roma, con Giura che rileva Maestrelli e Calabrese Shahinas dal 1’. Il cambio giova agli ospiti, che partono più organizzati nel giro palla, ma la prima occasione è per la Giana, con Augello che al 7’ accentra per Bruno, che di un soffio non aggancia e la palla sfila tra le mani di Savelloni. Al 12’ punizione poco fuori dal limite per la Giana, con Pinardi sul pallone: il suo tiro intercetta la barriera e si impenna, finendo sulla sommità della rete. Al 15’ Albè fa entrare Perna per Ferrari, che lascia il campo con uno scroscio di applausi del pubblico. Al 16’ una punizione sulla trequarti per gli ospiti, battuta da Ricciardi, fa arrivare la palla pericolosamente in mezzo all’area, ma Sanchez in uscita si tuffa sul pallone bloccandola a terra in due tempi. Al 19’ pericolo in area Giana con Calabrese, che riesce ad arrivare al tiro e lascia partire un sinistro al quale Sanchez con le ginocchia nega il gol. Al 28’ secondo cambio per la Giana, con Biraghi che rileva Pinardi, mentre mister Giannichedda procede al terzo ed ultimo cambio inserendo Di Gioia al posto di Massimo. Al 37’ ci prova ancora Calabrese, dietro l’appoggio di De Sousa, a tirare di prima dal limite, ma la palla si spegne sul fondo. Al 41’ è la volta di Greselin di uscire dal campo tra gli applausi per essere sostituito da Pinto, per il terzo ed ultimo cambio a disposizione di mister Albè. Al 44’ c’è spazio anche per Bruno, che raccoglie un passaggio di Marotta e dalla sinistra con un diagonale infila il terzo gol di giornata all’angolino basso.

“Gran primo tempo, ma ripresa un po’ soporifera e questo deve far pensare perché sul 2-0 le partite non sono mai chiuse – commenta mister Cesare Albè in sala stampa – Nell’ultimo mese abbiamo sbagliato due cose: il secondo tempio a Olbia e la gara con la Lupa Roma, per il resto le prestazioni non sono mai mancate. Ferarri e Greselin, all’esordio in gol in campionato, sono stati bravi tutti e due: quello di Ferrari è stato un gol capolavoro, Greselin è un ottimo giocatore e lo sappiamo. La squadra tuttavia deve riflettere sulla gestione del vantaggio, perché se gli avversari riaprono la partita la situazione diventa estremamente difficoltosa”.

GIANA ERMINIO-RACING ROMA 3-0

Giana Erminio (3-4-1-2): Sanchez, Perico, Rocchi, Solerio, Iovine, Pinardi (Biraghi 28’ st), Marotta, Augello, Greselin (Pinto 41’ st), Ferrari (Perna 15’ st), Bruno. A disp: Capaccio, Bonalumi, Montesano, Sosio, Chiarello, Pinto, Biraghi, Capano, Perna, Lella. Allenatore: Cesare Albè.

Racing Roma (3-5-2): Savelloni, Capanna, Macellari, Vona, Selvaggio, Vastola, Massimo (Di Gioia 29’ st), Shahinas (Calabrese 1’ st), Maestrelli (Giura 1’ st), De Sousa, Ricciardi. A disp: Lazzari, Steri, Calabrese, Muzzi, Giura, Taviani, Di Gioia, Caputo, Loglio, Bochicchio. Allenatore: Giuliano Giannichedda

Direttore di gara: Signor Giovanni Nicoletti di Catanzaro. Assistenti: Cosimo cataldo di Bergamo e Marco Ceccon di Lovere.

Marcatori: Ferrari 11’ pt, Greselin 25’ pt, Bruno 44’ st

Recupero: 0’ pt,

Angoli: 7-2

Ammoniti: Shahinas 30’ pt, Calabrese 34’ st, Perna 40’ st

Attachment

img_7685