GIANA ERMINIO-UNIONE VENEZIA 0-0

GRAZIE PRES! Questo striscione portato in mezzo al campo prima del fischio d’inizio è la migliore presentazione di questa 30a giornata di campionato, Giana Erminio-Unione Venezia, esordio assoluto al Comunale Città di Gorgonzola, davanti ad oltre duemila persone. Pubblico delle grandi occasioni, con la tribuna che ospita il presidente di Lega Pro Mario Macalli e il presidente del Comitato regionale lombardo LND Giuseppe Baretti, per ricordare da dove siamo partiti e guardare avanti a dove siamo arrivati. Prima del fiscio d’inizio inaugurale spazio anche alla benedizione del campo con Don Antonio e poi lo spettacolo può iniziare.

Il primo sussulto è per il pubblico di casa: al 5′ cross dalla sinistra di Perico, velo di Sinigaglia per Crotti, che aggancia al volo ma manda alto. Al 9′ punizione per la Giana dalla trequarti, con Pinto che calcia in mezzo, ma la difesa veneziana manda in angolo. Al 19′ pericolo per la Giana con due azioni in sequenza del Venezia, entrambe fermate in area da Polenghi. Al 21′ punizione dalla sinistra per gli ospiti, con Giorico che mette in area e Polenghi che riesce ancora ad allontanare. Dopo un avvio tutto di marca Giana, iniziano a crescere gli ospiti e al 29′ un cross in mezzo di Giorico, agganciato da Varano, trova ancora Polenghi in extremis a salvare la porta biancazzurra. Al 31′ Magnaghi dal limite prova il tiro, ma la palla finisce ampiamente sopra la traversa. Al 33′ punizione dalla trequarti per la Giana, con Crotti sul pallone, che arriva vicinissimo alla linea di porta, ma la difesa ospite riesce a sventare il pericolo. Ancora Giana in avanti con Solerio, che si libera di due avversari a pochi passi dal limite dell’area e cerca il tiro, ma non colpisce bene la palla che si spegne alta sul fondo. Al 39′ il Venezia riesce a ripartire in contropiede e con Espinal ad avvicinarsi pericolosamente alla porta, ma Paleari manda in angolo. 1-1, a questo punto, il computo dei corner, con la prima frazione di gioco che si concude a reti inviolate.

La ripresa parte con gli stessi undici in campo per entrambe le formazioni. Al 1′ bella azione della Giana con Crotti che scende sulla sinistra e mette in mezzo vicino alla linea di porta, ma la difesa riesce a sventare il pericolo. Al 9′ Greco calcia un tiro cross da fuori area direttamente in porta , che Paleari blocca tra le mani. Al 15′ azione a specchio con Solerio dalla sinistra, che prova un gran tiro che Fortunato blocca tra le mani. Al 16′ grande azione della Giana, con Pinto che mette la palla in mezzo per Sinigaglia e solo l’intervento provvidenziale di Sales spazza via in angolo. Al 23′ è Greco a trovare un tiro cross dalla sinistra direttamente in porta che impegna Paleari in uscita. Al 25′ prima sostituzione per la Giana, con Perna che rileva Crotti e appena entrato velocizza immediatamente il comparto d’attacco. Al 30′ altra girandola di cambi: la Giana sostituisce Rossini con Spiranelli e il Venezia Greco con Peccarisi. Al 35′ azione corale della Giana con Spiranelli che si presenta alla conlcusione dal limite dell’area, di poco alta sopra la traversa. Al 37′ occasionissima per la Giana, che in contropiede, con Biraghi protagonista di un passaggio filtrante da 60 m per Sinigaglia, che da solo in area, dalla destra, non centra lo specchio e sfiora il secondo palo. Al 39′ è invece Guerra ad impegnare Paleari da distanza ravvicinata. Finisce così, a reti bianche, dopo 3′ di recupero, la prima al Comunale. Un punto importante.

«Un pareggio che non fa una grinza, potevano vincere loro, come potevamo vincere noi – analizza mister Cesare Albè a fine gara – Nel secondo tempo forse abbiamo spinto un po’ più noi, ma anche gli avversari hanno avute le loro opportunità. Oggi era una festa per la città di Gorgonzola, per i giocatori, il presidente e lo staff. Si correva il rischio di rincorrere a tutti i costi un risultato senza usare la testa, invece i ragazzi sono stati attenti, hanno tenuto la partita sotto controllo. Bellissimo il fattore ambientale, hai la gente addosso. Il Venezia ha dimostrato di meritare tutti i punti che ha, ma la nostra squadra ha tenuto testa al Venezia»

GIANA ERMINIO-UNIONE VENEZIA 0-0

Giana Erminio: Paleari, Perico, Solerio, Marotta, Polenghi, Montesano, Rossini (Spiranelli 30′ st), Biraghi, Sinigaglia, Crotti (Perna 25′ st), Pinto. A disp: Ghislanzoni, Sosio, Bonalumi, Di Lauri, Spiranelli, Perba. Allenatore: Cesare Albè.

Unione Venezia: Fortunato, Dell’Andrea, Sales, Giorico, Legati, Capogrosso, Varano, Espinal, Magnaghi, Greco (Peccarisi 31′ st), Guerra. A disp. D’Arsiè, Scanferlato, Peccarisi, Esposito, Scialpi, Callegaro, Raimondi. Allenatoe: Michele Serena.

Direttore di gara: Sig. Giuseppe Strippoli di Bari. Assistenti: Sig.ri Maurizio Cartaino di Pavia e Michele Lombardi di Brescia.

Recupero: 1′ pt, 3′ st

Angoli: 6-3

Ammoniti: Sales 30′ pt, Pinto 22′ st, Magnaghi 22′ st, Giorico 41′ st, Polenghi 43′ st

Attachment

20150321_193115