I nostri avversari: il Pro Piacenza

La prima giornata del girone di ritorno, ovvero la ventesima gara del campionato 2017/18, si giocherà sabato 23 dicembre alle ore 14.30 al Comunale “Città di Gorgonzola”, dove la Giana Erminio dovrà incontrare lo “spettro” Pro Piacenza, la prima squadra affrontata in questo campionato dall’avvio zoppicante per gli uomini di Albè.

L’andata e il cammino del Pro Piacenza

Era il 27 agosto e il termometro al Garilli di Piacenza toccava i 36°C. Dopo un primo tempo terminato a reti bianche, ma con molte occasioni da ambo le parti, la ripresa si apre con il vantaggio del Pro Piacenza con La Vigna al 5′, raddoppiato dopo cinque minuti con il gol di Starita. Al 23′ Perna accorcia le distanze, ma al 90′ c’è spazio per un rigore in favore dei padroni di casa, che Alessandro trasforma nel 3-1 e nella prima bruciante sconfitta del campionato per la Giana. Attualmente 16a in classifica con 21 punti all’attivo, il Pro Piacenza ha una differenza reti che ammonta a -6, frutto di 15 gol segnati e 21 subiti, ma proviene da un buon momento di forma, con quattro risultati utili consecutivi: le ultime vittorie 1-0 con Lucchese e Arzachena, il pareggio 1-1 nel derby con il Piacenza e la vittoria 1-0 con il Gavorrano, ma prima della sconfitta 3-0 con il Pisa che ha interrotto la striscia positiva, c’erano stati il pareggio 1-1 con l’Arezzo e la vittoria 1-0 con il Monza. Delle cinque vittorie totali, il Pro Piacenza ne ha maturate due in trasferta, dove ha ottenuto lo stesso numero di pareggi e quattro sconfitte.

I precedenti con la Giana

Precedenti a favore del Pro Piacenza fra i cinque incontri disputati fra le due squadre, con la Giana che è uscita vittoriosa una sola volta durante una gara di Coppa Italia. Il primo incontro fra Giana e Pro Piacenza è avvenuto a Gorgonzola nella 6ª giornata del campionato 2015/16 e gli emiliani vinsero 2-0 mentre la gara di ritorno al Garilli finì 1-1, con la rimonta dei padroni di casa dopo il gol in avvio di Perico. Nella stagione 2016/17 sono tre i precedenti, con la gara dei 32esimi di Coppa Italia terminata 4-1 per la Giana (in gol Sosio, Ferrari e Bruno con una doppietta), mentre l’andata a Piacenza nella 17ª giornata era finita 1-1 con il gol del vantaggio firmato da Perna e nel ritorno a Gorgonzola i rossoneri si erano imposti 2-1 (Bruno in gol per la Giana).

Rosa e modulo

Squadra quadrata, come sono quelle di mister Pea, la Pro Piacenza ha cambiato molto rispetto alla scorsa stagione, soprattutto in difesa e in attacco. Ma se il reparto arretrato, nonostante i molti innesti, non ha subito il contraccolpo (con i soli 21 gol presi la difesa rossonera è una delle migliori del girone), non si può dire la stessa cosa per il reparto avanzato. L’unico superstite è Daniele Bazzoffia, ala destra e titolare certo, indipendetemente dal modulo. Il bomber è Danilo Alessandro rientrato dopo l’anno al Francavilla e già a quota 7 reti. All’appello mancano i gol di Ferdinando Mastroianni, in prestito dal Carpi. Proprio per risolvere i problemi in fase realizzativa, a campionato in corso sono arrivati Abate e Musetti. Entrambi sono ancora alla ricerca della forma migliore, ma è sul loro apporto che la Pro conta per poter rialzare le proprie sorti. La linea mediana gira attorno a capitan Aspas, con tanti giovani in prestito (Atalanta, Pescara e Cremonese) che cercano di ritagliarsi spazio e minuti.