Presentati Dalla Bona, Lunetta e Mutton

Presentati Dalla Bona, Lunetta e Mutton

Sono stati presentati in data odierna gli ultimi tre acquisti per la rosa 2018/19 a disposizione di mister Raul Bertarelli, che prima di parlare dei giocatori ha commentato il particolare momento: “Spero che inizi il campionato, perché non siamo abituati a fare le cose così e anche per i ragazzi diventa complicato giocare le amichevoli; poi se fai prestazioni negative, come quelle con la Tritium di venerdì scorso, inizi a farti troppe menate: è una gara che mi ha fatto arrabbiare, perché ho visto troppi giocatori che cercavano di risolverla in maniera individuale, ma del resto ci sono molte attenuanti, perché sto iniziando a capire come sistemare i tasselli al posto giusto, mentre ci sono problemi di concentrazione da risolvere, ma con questa situazione di stand by è difficile. Prova ne è il fatto che nelle partite ufficiali abbiamo fatto bene, come ad Alessandria e anche a Crotone e già quella di sabato con la Carrarese sarà un’amichevole “finta”, ovvero un test importante dove mi aspetto di fare bene”.

Cristian Mutton, nato nel 1999 e cresciuto nel settore giovanile del Como, dove ha esordito a 17 anni in Prima Squadra promosso direttamente dalla categoria Under 17, ha militato nella Primavera dell’Inter dal gennaio 2017 al gennaio 2018, squadra con la quale ha vinto il campionato e la Supercoppa. Negli ultimi sei mesi della stagione scorsa è passato in prestito alla Primavera del Bologna. Nella stagione 2017/18 ha messo a segno nel complesso 7 gol.  “Mi sono trovato subito a mio agio, in questo ambiente tranquillo dove si può lavorare bene; anche non conoscendo nessuno, i ragazzi mi hanno accolto subito bene, poi in campo giorno dopo giorno si prende sempre più fiducia. Questo è il mio primo campionato vero, dove è giusto che io sia la quarta punta, perché dagli attaccanti d’esperienza che ci sono qui posso solo imparare. Le mie caratteristiche? Sono molto duttile, mi piace svariare, prendere palla e puntare, ma posso fare anche l’esterno”.

Daniele Dalla Bona, centrocampista classe 1983, è nato nel Varesotto ed è cresciuto nel settore giovanile della squadra biancorossa con cui ha esordito in serie C a soli 18 anni. Da lì in poi per lui solo professionismo fra C1 e C2 fino al 2009 quando sale tra i cadetti per vestire la maglia del Cittadella per due stagioni e poi quella del Modena per tre stagioni. Dopo ancora tanta Lega Pro, con le ultime due stagioni al Santarcangelo, nel girone B di serie C, con 59 presenze e 4 gol. “Avevo già avuto contatti con la Giana tre anni fa, poi scelsi Santarcangelo perché c’era un allenatore che avevo già avuto al Real Vicenza. Quest’anno sono stato felice della chiamata e del progetto per il mio ruolo in questa squadra. Giana da avversaria? Ricordo il primo anno con il Real Vicenza, la Giana giocava ancora a Monza e ricordo una squadra ostica, con un’identità ben precisa e negli anni a venire i risultati ottenuti sono stati notevoli. Qui c’è un’aria buona e veramente particolare, in positivo: c’è buonumore e voglia di lavorare, ma il ritardo nell’inizio del campionato fa mancare l’adrenalina, quella che ti sale nella settimana “tipo” di quando c’è la partita ufficiale”.

Arriva in prestito dall’Atalanta l’esterno d’attacco mancino italo-francese Gabriel Lunetta. Classe 1996, il calciatore è un prodotto del vivaio atalantino, dove ha giocato fino alla Primavera. Da lì, nella stagione 2016/17 è passato in prestito al Gubbio in Lega Pro e la stagione scorsa è stato invece trasferito al Renate, collezionando 27 presenze e segnando 4 gol. “Il mio ruolo da esterno di centrocampo? Mi sono trovato bene, sono un giocatore di gamba e dal mio punto di vista è stato un test utile quello giocato con la Tritium. Arrivato in questa squadra mi sono trovato subito a mio agio: Palma e Marzeglia li conoscevo già da Renate, Seck e Taliento li conosco dal settore giovanile dell’Atalanta, mentre Sanchez veniva a scuola con me, ma tutto il gruppo è coeso”.

Attachment

lunetta, dalla bina, mutton