COMO-GIANA ERMINIO 2-1

COMO-GIANA ERMINIO 2-1

Ottava giornata di campionata in trasferta al Sinigaglia di Como, nell’anticipo del sabato sera, dove la Giana inizialmente in vantaggio e con una buona prestazione, a due minuti dal termine si è fatta rimontare dai padroni di casa.

Primo tempo 0-0, un gol annullato alla Giana

Inedito schieramento per questa partita, con Marenco tra i pali per la sua seconda gara da titolare, il rientro di Montesano al centro della difesa insieme a Pirola, Gambaretti a sinistra e Otelè a destra, Capano, Remedi e Piccoli a centrocampo, Perna trequartista, Gioè e Mutton in attacco. Dopo un inizio prevalentemente giocato a centrocampo, al 9’ il Como guadagna una punizione centrale dai 30 metri: Bellemo calcia in area, dove un attaccante prova la conclusione con una mezza girata, ma Mutton devia in angolo: sul cross, Marenco esce con i pugni ad allontanare. Al 14’ bel cross rasoterra di Iovine dalla destra per Gabrielloni, che però spara alto. Al 15’ punizione dalla sinistra per la Giana: Capano calcia in area, ma la difesa allontana e parte il contropiede, che lo stesso Capano di rientro neutralizza. Al 21’ Punizione per il Como dal vertice sinistro dell’area: Iovine calcia un cross basso, che Gabrielloni spizza di testa, altissimo. Al 26’ Piccoli avanza palla a terra per 30 metri sulla fascia destra e guadagna un fallo laterale, sulla ribattuta del quale la Giana ottiene una punizione dalla destra: Capano lancia un cross teso in area, dove c’è Pirola che devia in gol, ma l’arbitro annulla per un presunto fallo di Piccoli al limite dell’area. Al 27’ Ganz, servito da Iovine, di testa colpisce il palo esterno. Al 31’ su punizione della Giana dalla destra di Otelè, Perna di testa devia in porta, palla bloccata da Facchin. Al 46’ su punizione calcia in area, dove Ganza di testa conclude sfiorando il secondo palo, ma la bandierina del fuorigioco era alzata.

Secondo tempo 2-1, al vantaggio di Perna, rispondono Iovine e Miracoli

Si parte con gli stessi 22 in campo e al 3’ il Como guadagna un angolo: Iovine calcia in area ma Perna allontana; la palla rimane viva e da un cross che arriva in area, a tu per tu con Marenco Ganz fa impennare la palla alta oltre la traversa. Al 6’ Giana vicinissima al gol con Perna, che sul secondo palo aggancia al volo un cross dalla sinistra di Capano e conclude a fil di palo. Al 9’ è il Como vicinissimo al gol, ma Marenco con un vero e proprio miracolo dice no alla conclusione di Ganz di testa, da un metro. All’11’ Piccoli dalla distanza prova la conclusione di potenza in porta, che Facchin para senza trattenere. Al 12’ triplo cambio per mister Banchini, che inserisce Peli per De Nuzzo, Loreto per Sbardella e Miracoli per Ganz. Al 14’ punizione per la Giana dai 28 metri con Remedi che calcia un rasoterra di potenza che, con una leggera deviazione di Perna nella mischia in area, inganna Facchin e si deposita in rete per il gol del vantaggio biancazzurro. Al 19’ quarto cambio per mister Banchini, con Gatto che rileva H’Maidat. Al 20’ deviazione di testa di Miracoli su un cross da dietro, ma Marenco ancora una volta blocca. Al 21’ arriva però il pareggio del Como con il gol dell’ex Iovine, che da posizione defilata dal fondo, sulla sinistra, riceve palla da Peli e riesce a concludere in rete. Al 23’ primo cambio per mister Albè, che inserisce Pedrini per Gioè. Al 30’ secondo cambio per la Giana, con Otelè vittima dei crampi sostituito da Cazzago, al suo esordio in campionato. Al 31’ altro cambio per il Como, con Bianconi che rileva un applauditissimo Iovine. Al 32’ Peli per Miracoli, che di testa manda fuori non di molto. Al 38’ Bovolon dalla destra prova un tiro cross che attraversa l’area ma non viene raccolto da nessun compagno. Al 41’ Capano inseguito da Peli sino nella parte sinistra dell’area, viene toccato e buttato a terra, ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 43’ il Como trova un rocambolesco vantaggio con Miracoli, che riesce a ribadire in rete una respinta coi pugni di Marenco, in una mischia creatasi in area. Al 47’ mister Albè inserisce Cortesi per Gambaretti, una punta per un difensore, per tentare il tutto per tutto. Ma non basta.

COMO-GIANA ERMINIO 2-1

Como (3-5-2): Facchin, Toninelli, Bovolon, Iovine (Bianconi 31’ st), Ganz (Miracoli 12’ st), H’Maidat (Gatto 19’ st), Gabrielloni, Bellemo, Sbardella (Loreto 12’ st), De Nuzzo (Peli 12’ st), Marano. A disp: Zanotti, Celeghin, Bolchini, Soldi, Raggio Garibaldi, Kouadio,. Allenatore: Marco Banchini

Giana Erminio (4-3-1-2): Marenco, Gambaretti (Cortesi 47’ st), Piccoli, Gioè (Pedrini 23’ st), Perna, Remedi, Otelè (Cazzago 30’ st), Capano, Montesano, Pirola, Mutton. A disp: Leoni, Tota, Perico, M’Zoughi, Duguet, Stanzione, Serafini, Fumagalli. Allenatore: Cesare Albè

Direttore di gara: Francesco Luciani di Roma 1. Assistenti: Stefano Lenza di Firenze e Rosario Caso di Nocera Inferiore

Marcatori: Perna 14’ st, Iovine 21’ st, Miracoli 43’ st

Recupero: 1’ pt, 5’ st

Angoli: 4-0

Ammoniti: Sbardella 29’ pt, H’Maidat 13’ st, Piccoli 22’ st, Marano 25’ st

Espulsi: nessuno

Attachment

WhatsApp Image 2019-10-05 at 20.36.39