I nostri prossimi avversari: l’Olbia

I nostri prossimi avversari: l’Olbia

Una squadra con l’età media più bassa di tutto il girone A di Serie C – 22, 3 anni – zeppa di tesserati nati e cresciuti in Sardegna, la stretta collaborazione con il Cagliari per la valorizzazione dei talenti, un bomber classe ‘91, quel Daniele Ragatzu di Quartu Sant’Elena, ex Cagliari, capocannoniere del girone con otto gol in undici partite, un quarto posto in classifica con 20 punti, cinque vittorie, cinque pareggi e una sola sconfitta, 15 gol fatti e 12 subiti e un ruolino di marcia casalingo che la vede seconda solo al Livorno. Questa è l’Olbia che accoglierà la Giana sabato 4 novembre alle 14.30 allo Stadio Nespoli per l’anticipo della 12a giornata di campionato. Reduce dalla bruciante sconfitta 3-0 nel derby con la matricola Arzachena, inaspettato alla vigilia, l’Olbia è alla ricerca dell’immediato riscatto davanti al pubblico di casa.

Così ha dichiarato infatti il tecnico Bernardo Mereu, il guru degli allenatori sardi, arrivato in panchina nell’aprile scorso e confermato quest’anno alla guida della squadra: “Una sconfitta che aiuterà a crescere e a diventare più forti – quella patita con l’Arzachena domenica – Ripartiamo subito per riscattarci immediatamente”.

Per la gara con la Giana sarà sicuramente assente Enrico Geroni, il centrocampista, uscito malconcio dalla gara contro la Pistoiese di un mese fa, dove ha subito la frattura al secondo metatarso del piede sinistro. Ancora in forse il centrocampista Marco Piredda, alle prese con i postumi dell’infortunio alla spalla patito sempre nella gara contro la Pistoiese, così come il centrocampista Antonio Feola, che nel pre gara con il Cuneo del 22 ottobre scorso si era fermato per un risentimento muscolare.

Precedenti fra Giana e Olbia

Sono due, entrambi risalenti alla stagione scorsa, i precedenti che hanno visto affrontarsi la Giana Erminio e l’Olbia. Nella gara di andata del campionato 2016/17, disputata al Nespoli, l’Olbia vinse 3-2 con un’incredibile rimonta, durante una gara che aveva visto la Giana in vantaggio 2-0 nel primo quarto d’ora di gioco (Okyere e Bruno), Viotti parare un rigore a Ragatzu al 63’, l’Olbia riaprire la gara al 71’ con Geroni, pareggiare all’81’ con Piredda e siglare il definitivo gol vittoria al 84’ con Capello. Nella gara di ritorno a Gorgonzola i tre punti sono invece rimasti in terra lombarda, dove la Giana si è imposta 1-0 grazie alla rete di Chiarello.

 

 

 

Attachment

IMG-20161009-WA0021