SUDTIROL-GIANA 0-2 – RIECCO C!

A una giornata dalla fine, con un’altra vittoria esterna, la Giana blinda matematicamente la salvezza diretta e festeggia la permanenza in Lega Pro. La gara viene subito ben interpretata dai ragazzi di Cesare Albè che non riescono a rendersi subito pericolosi ma contengono senza affanno le iniziative della squadra di casa. Al quarto d’ora le prime due conclusioni verso la porta, una per parte, la prima di Gasbarroni la seconda di Fischnaller, entrambe però finiscono lontano dai pali.

Al 26’ gol annullato a Rossini su cross dalla sinistra di Gasbarroni per fallo dello stesso Rossini sul diretto avversario. Al 35’ Giana pericolosa su angolo, il cross in mezzo di Pinto viene salvato sulla linea da Tait che di testa alza sopra la traversa.

Al 37’ ci pensa ancora Rossini a portare in vantaggio la Giana mettendo di testa alle spalle di Melgrati un cross dalla sinistra di Augello, per lui il sesto sigillo in questo campionato. Al 47’ Sudtirol vicinissimo al pareggio su corner, la corta respinta in area di Augello termina sui piedi di Tait che però non trova la porta.

Nella ripresa la Giana raddoppia al 9’ con il difensore goleador Simone Perico, bravo di testa ad anticipare Melgrati in uscita su corner di Gasbarroni. All’11’ Stroppa tenta il tutto per tutto, manda in campo Furlan e Shekiladze per Fink e Branca e passa dal 4-3-3 al 4-2-4. Al 14’ Pinto imbecca Polenghi alla ricerca di gloria in area, la sua conclusione esce di pochissimo alla sinistra della porta di Melgrati. Al 18’ cross diretto in porta di Shekiladze che termina nelle braccia di Paleari. Al 19’ ci prova dalla distanza Bertoni, troppo centrale per impensierire Paleari. Al 35’ st Giana vicina al terzo gol su punizione con Pinto, sulla respinta ci prova anche Perna, ma Melgrati in due tempi fa suo il pallone. Nel finale il Sudtirol pressa, ma non riesce a creare vere occasioni per accorciare le distanze e dopo 4’ di recupero Albè e i suoi ragazzi possono finalmente festeggiare.

In sala stampa il mister esprime tutta la sua gioia: “Un campionato bello perché ancora in forse fino all’ultima giornata. Abbiamo fatto 45 punti, con questa vittoria abbiamo superato anche il Sudtirol che è vero che in questo finale è crollato, ma la vittoria è stata soprattutto merito nostro più che demerito loro. Dedico la salvezza anche ai tifosi che sono sempre più numerosi e ci hanno seguito anche fin qui. Il calore del pubblico è importantissimo. E adesso spazio alla festa all’ultima di campionato”.

Tabellino

Marcatori: 37’ pt Rossini (G), 9’ st Perico (G).

SUDTIROL: Melgrati, Tait, Martin, Mladen, Bertoni, Tagliani, Marras, Fink (dall’11’ st Furlan), Novothny, Branca (dall’11’ st Shekiladze), Fischnaller (dal 36’ st Campo). A disp. Miori, Kiem, Peverelli, Cia. Allenatore: Giovanni Stroppa

GIANA ERMINIO: Paleari, Perico, Solerio, Marotta, Polenghi, Bonalumi, Rossini, Pinto (dal 45’ st Di Lauri), Sinigaglia (dal 34’ st Perna), Gasbarroni (dal 24’ st Montesano), Augello. A disp. Ghislanzoni, Crotti, Spiranelli, Recino. Allenatore: Cesare Albè

Direttore di gara: Ivan Robilotta di Sala Consilina. Assistenti: Graziano Vitaloni di Jesi e Ruben Liberato Angotti di Lamezia Terme.

Recupero: 2′ pt, 4’ st

Angoli: 7-5 per il Sudtirol

Ammoniti: 41’ pt Pinto (G), 2’ st Sinigaglia (G), 5’ st Fink (S), 33’ st Mladen (S)

Attachment

_7509899