Novara-Giana Erminio 2-0

Nel 35° turno di campionato, giocato nel posticipo del lunedì sera allo Stadio Silvio Piola di Novara, la Giana interrompe la striscia di cinque risultati utili consecutivi.

In una notevole cornice di pubblico, formata da oltre 4.500 spettatori, il Novara parte subito molto forte all’attacco, con un unico risultato a disposizione, per cercare di guadagnare più punti possibili in seguito alla penalizzazione di -8 ricevuta in settimana. Nei primi 5′ si contano un’incursione in area per parte, ma benchè nessuna delle due si traduca in vera e propria occasione, il ritmo agonistico è decisamente alto. Al 12′ Corazza è lanciato sulla fascia sinistra, ma arriva in corsa Paleari ad anticiparlo e a buttare la palla in angolo. Marotta al 17′ da fuori area calcia di potenza direttamente in porta, ma Tozzo blocca in due tempi. Al 18′ in seguito ad una punizione per il Novara calciata direttamente in area, Evacuo in rovesciata manda la palla di poco alta sopra la traversa. Al 21′ su calcio d’angolo è ancora Evacuo a svettare di testa per cercare la porta, ma Paleari è pronto a bloccare tra le mani, proprio sotto la traversa. Al 22′ è la Giana a rendersi pericolosa con Gasbarroni, che riceve una palla al limite dell’area e sibila un rasoterra che esce a lato. Un minuto più tardi Buzzegoli da fuori area, in posizione centrale, si presenta alla conclusione che finisce sul fondo. Al 30′ punizione dai 30 m per il Novara, con Buzzegoli al tiro, ma la palla finisce alta. Al 37′ altra punizione per il Novara dai 35 metri, che vede Gonzalez al tiro, ma la conclusione si spegne sul fondo. Finisce senza recupero la prima frazione di gioco.

Ripresa con gli stessi effettivi in campo. Al 2′ Buzzegoli prova la conclusione di potenza da fuori area, ma Paleari respinge in tuffo. Al 5′ tiro insidiosissimo dal limite di Gonzales sul primo palo, ma la palla finisce sull’esterno della rete. Al 6′ primo cambio per i padroni di casa, con Garofalo che rileva Foglio. Al 12′ tentativo di Dickmann che finisce a lato. Subito dopo Evacuo dal limite dell’area tira un bolide addosso a Paleari, che respinge ma non trattiene e l’accorrente Gonzales è pronto a ribadire in rete. Siamo al 13′ e il risultato si è sbloccato in favore dei padroni di casa. Due minuti più tardi occasione Giana con un pericoloso corner calciato da Gasbarroni: la palla viene respinta per un soffio da Tozzo e la difesa del Novara allontana. Al 23′ mister Albè opera il primo cambio, inserendo Augello al posto di Di Lauri. Al 70′ clamoroso palo di Gonzales di testa, da distanza ravvicinata, mentre pochi secondi più tardi la Giana in contropiede riparte con Gasbarroni, che dal limite dell’area calcia sul secondo palo, facendo uscire la palla di poco a lato. Al 75′ punizione insidiosissima di Gasbarroni dalla destra, che impegna Tozzo in uscita coi pugni, la palla rimane nella mischia in area e solo un intervento provvidenziale di un difensore di casa nega il pareggio alla Giana. Al 76′ altro clamoroso spreco del Novara con Corazza, che aggancia un cross in area e calcia incredibilmente a lato da distanza ravvicinata. Ma il Novara insiste e al 78′ Gonzales da solo alla sinistra di Paleari, aggancia il cross di Corazza e trafigge la porta per il raddoppio dei padroni di casa. A questo punto mister Albè cerca di rafforzare il comparto d’attacco, inserendo Spiranelli al posto di Rossini. Al 41′ dentro anche Recino per Gasbarroni. Nei minuti di recupero mister Toscano fa entrare Adorjan al posto di Gonzales, che esce in una vera e propria ovazione. Finisce così, con il tributo del pubblico di casa ai propri giocatori e della società a Tiziano Polenghi, ex Novara ancora molto amato.

«Abbiamo cercato di fare il possibile per arginare una squadra arrabbiata e molto carica – commenta mister Albè in sala stampa – e c’eravamo riusciti, sino a che Evacuo ha trovato una giocata da Serie A e il velocissimo Gonzales l’ha buttata dentro. Dopo è stato difficile recuperare. Noi siamo comunque contenti ed orgogliosi di lottare in stadi come il Silvio Piola, alla pari con squadre di altissimo livello. Qui ha perso l’Inter, può perdere anche la Giana».

Novara-Giana Erminio 2-0

Novara: Tozzo, Freddi, Bergamelli, Foglio (Garofalo 6′ st), Buzzegoli, Vicari, Dickmann, Bianchi, Evacuo, Corazza (Garufo 40′ st), Gonzalez (Adorjan). A disp. Montipò, Martinelli, Garofalo, Miglietta, Garufo, Adorjan, Della Rocca

Allenatore: Domenico Toscano

Giana Erminio: Paleari, Perico, Solerio, Marotta, Polenghi, Montesano, Pinto, Di Lauri (Augello 23′ st), Sinigaglia, Gasbarroni (Recino 41′ st), Rossini (Spiranelli 35′ st). A disp: Ghislanzoni, Bonalumi, Augello, Crotti, Perna, Spiranelli, Recino. Allenatore: Cesare Albè.

Direttore di gara: Sig. Francesco Guccini di Albano Laziale. Assistenti: Sig.ri Domenico Campitelli di Termoli e Alberto D’alberto di Teramo.

Marcatori: Gonzales 13′ st e 33′ st

Recupero: 0′ pt, 2’st

Angoli: 5-4

Ammoniti: Rossini 30′ pt, Perico 35′ pt, Gonzales 18′ st,

Attachment

20150420_231316