OLBIA-GIANA ERMINIO 2-1

OLBIA-GIANA ERMINIO 2-1

La prima e più lunga trasferta del campionato, al Bruno Nespoli di Olbia, stadio dal quale la Giana Erminio in passato non è mai uscita con un solo punto, si è conclusa anche questa volta con una sconfitta, nonostante un primo tempo chiuso in vantaggio dalla formazione di mister Maspero.

Primo tempo 0-1, Pedrini in avvio

Si parte e dopo qualche tentativo di incursione da ambo le parti, al primo vero affondo la Giana passa in vantaggio: siamo al 4’ e Solerio dalla sinistra crossa in mezzo dove arriva Mutton a spizzare verso destra per Pedrini, che con un preciso diagonale sul secondo palo batte Van Der Want e segna il suo primo gol con la maglia della Giana. All’8’ occasione per l’Olbia con Parigi, che riceve palla dalla destra dopo una bella percussione dei sardi ad opera di PItzalis conclude a pochi passi dal secondo palo, dove Leoni era comunque arrivato in tuffo. Al 12’ ci prova Cortesi dalla destra, ma la sua conclusione è alta. Al 13’ è Ogunseye che trova l’inserimento giusto sulla sinistra, tallonato da Gambaretti, ma Perico spazza via. Al 14’ punizione per l’Obia sulla trequarti: la conclusione diretta in porta chiama Leoni all’uscita coi pugni, la ribattuta di Lella non inquadra lo specchio. Al 15’ contropiede della Giana con Solerio che prova il cross dalla sinistra, intercettato, ma il numero 3 riesce comunque a girare all’indietro dove arriva Remedi in corsa, che da fuori prova la conclusione di potenza, alta. Al 23’ Giana momentaneamente in dieci per permettere ai sanitari di soccorrere Pedrini a bordocampo, a causa di un colpo alla nuca, ma dopo un minuto l’autore del gol biancazzurro torna in campo. Al 25’ però chiede il cambio ed entra Duguet. Nel contempo primo angolo del match per i padroni di casa: dopo il cross di Pitzalis e la spizzata di Della Bernardina, Parigi aggancia ma svirgola fuori. Un minuto dopo l’angolo è per la Giana, battuto corto da Duguet con uno schema che all’indietro per Pinto porta la palla con un traversone a Solerio sulla sinistra, che butta in mezzo in una posizione perfetta, ma l’arbitro fischia un fallo in attacco. Al 32′ lancio lungo di Pinto per Perna, che in corsa si presenta davanti al portiere e prova il pallonetto, fuori di un soffio, ma l’arbitro aveva segnalato fuorigioco. Non passa un minuto che l’occasione è sui piedi di Cortesi: servito da Duguet, di prima al volo va alla conclusione ma la palla esce ancora di pochissimo e ancora una volta si alza la bandierina del fuorigioco. Al 43’ punizione centrale per la Giana: Pinto prova la conclusione diretta in porta, ma la palla è alta.

Secondo tempo 2-1, La Rosa e Parigi, ma Van Der Want si supera

Al rientro dagli spogliatoi le squadre rimangono con gli stessi 22 in campo. Al 1’ punizione centrale per l’Olbia: Pitzalis con il sinistro prova a concludere direttamente in porta, ma Leoni blocca tra le mani. Al 7’ su un errore in difesa di Pennington, Cortesi recupera il pallone e passa a Perna, che con un tiro cross alla ricerca di Remedi, viene anticipato da Van Der Want. All’8’ punizione dai 20 m di Doratiotto, sulla quale esce Leoni con un pugno a deviare in angolo: ma proprio dalla bandierina arriva il cross di Pitzalis, che La Rosa devia in rete per il pareggio. L’Olbia si scuote rispetto al primo tempo e all’10’ un rasoterra di Parigi sfiora il palo. All’11’ secondo cambio per mister Maspero, che inserisce Gioè per Cortesi. Al 13’ dopo una conclusione a botta sicura di Pinto, murata, l’Olbia riparte in contropiede e arriva con Parigi al tiro, ma il tiro è ampiamente a lato. Al 15’ primo cambio per mister Filippi, che sostituisce un malconcio Ogunseye con Vallocchia. Al 18’ è il neoentrato Vallocchia che con un tiro ad incrociare colpisce il palo e con un tap-in è Parigi che insacca il gol del vantaggio dei padroni di casa. Al 22’ ancora Olbia pericolosa con Vallocchia che riparte e passa a Parigi, che arriva sulla sinistra in posizione pericolosissima, ma Gambaretti riesce a contrastarlo e il resto della retroguardia biancazzurra a neutralizzare il pericolo. Al 23’ fuori Lella per Biancu, che poco dopo riesce a servire Pitzalis in area, ma il giocatore sardo fa fallo sul portiere biancazzurro. Al 29’ un bel cross in mezzo di Solerio viene intercettato da Van Der Want in uscita. Al 30’ doppio cambio per la Giana: fuori Perico e Remedi per Zulli e Piccoli. Il caldo favorisce i cambi e al 33’ per l’Olbia esce anche Doratiotto per Verde. Al 34’ Giana vicinissima al pareggio, neutralizzato solo da una grandissima parata di Van Der Want da distanza ravvicinata sul colpo di testa di Mutton, servito dal cross di Duguet. Al 37’ Van Der Want è strepitoso nuovamente con una doppia parata prima sulla girata di Perna, servito da Zulli e poi sulla ribattuta da distanza ravvicinata da Mutton. Al 48’ la Giana insiste e da un cross dalla sinistra di Piccoli, Mutton al volo prova la conclusione decisa, ma la palla esce di poco.

OLBIA-GIANA ERMINIO 2-1

Olbia (4-3-1-2): Van Der Want, Pisano, Della Bernardina, La Rosa, Pitzalis, Lella (Biancu 23’ st), Muroni, Pennington, Doratiotto (Verde 33’ st), Parigi, Ogunseye (Vallocchia 15’ st). A disp. Barone, Crosta, Mastino, Zugaro, Bah, Belloni, Manca. Allenator: Michele Filippi.

Giana Erminio (3-4-1-2): Leoni, Perico (Zulli 30’ st), Gambaretti, Pirola, Solerio, Pedrini (Duguet 25’ pt), Pinto, Remedi (Piccoli 30’ st), Perna, Cortesi (Gioè 11’ st), Mutton. A disp. Marenco, Tota, M’Zoughi, Sosio, Cazzago, Serafini, Otelé, Fumagalli. Allenatore: Riccardo Maspero.

Direttore di gara: Matteo Marchetti di Ostia Lido. Assistenti: Salvatore Emilio Buonocore di Marsala e Stefano Rondino di Piacenza

Marcatori: Pedrini 4’ pt, La Rosa 8’ st, Parigi 18’ st

Recupero: 3’ pt, 4’ st

Angoli: 4-2

Ammoniti: Pirola 7’ st, Pitzalis 25’ e 47 st, Pinto 25’ st, Muroni 36’ st

Espulsi: Pitzalis 47’ st

Attachment

WhatsApp Image 2019-09-01 at 16.02.18(1)